account_circle
Registrati
menu
person
Premium Avatar
Registrati
Registrati
Alcaraz mette in risalto il suo trionfo agli Open di Francia:

Alcaraz mette in risalto il suo trionfo agli Open di Francia: "Volevo vincerlo da quando avevo 6 anni".

Carlos Alcaraz ha vinto gli Open di Francia. A 21 anni, diventa il settimo spagnolo ad essere incoronato campione a Parigi e sembra destinato a prendere il posto di Rafael Nadal (14 titoli). Sebbene non abbia sempre giocato il suo miglior tennis e sia stato a tratti largamente dominato, è stato al termine di un match molto fisico che ha avuto la meglio su uno Zverev intermittente (6-3, 2-6, 5-7, 6-1, 6-2).

Intervistato in conferenza stampa, il giocatore spagnolo non ha nascosto la sua immensa felicità per aver realizzato il suo sogno domenica: "Vincere gli US Open e diventare n. 1 è stato davvero speciale. È stato un sogno che si è avverato. Ma anche battere Novak Djokovic in cinque set a Wimbledon è stata un'altra cosa. Ma direi comunque che il Roland Garros è un po' meglio. Perché ho lavorato duramente per essere pronto in tempo in condizioni difficili. Sì, direi Roland-Garros. Soprattutto, aggiungere il mio nome alla lista di tutti i giocatori spagnoli che hanno vinto qui è un onore. Desidero vincere l'Open di Francia da quando avevo sei anni. (commenti riportati da L'Equipe).

Oggi campione del Grande Slam su tre superfici diverse (duro, erba e terra battuta), lo spagnolo ha parlato della sua sorprendente capacità di giocare bene ovunque a soli 21 anni: "Sono cresciuto sulla terra battuta, quindi giocare su di essa è naturale per me. Ma la maggior parte dei tornei si gioca sul duro, quindi mi sono allenato molto lì e ho sviluppato un gioco aggressivo. In ogni caso, questo è il mio obiettivo: essere il più aggressivo possibile".

Il mio gioco consiste nel colpire forte, andare a rete e fare dei drop shot. Quando riesco a farlo, mi sento bene. È quello che voglio e la mia squadra mi incoraggia in questa direzione.

Tutto sorridente, Alcaraz è anche tornato alla sua piccola tradizione di farsi un tatuaggio in onore dei suoi trionfi nel Grande Slam. Sorridendo, ha spiegato: "Sì, continuerò (dopo quello sulla caviglia destra per Wimbledon e quello dietro il gomito per gli US Open). Non so ancora quando, ma sarà sulla caviglia sinistra. Qualcosa con la Torre Eiffel (ride)".

GER Zverev, Alexander [4]
2
1
7
6
3
ESP Alcaraz, Carlos [3]
6
6
5
2
6
tick
Carlos Alcaraz
2e, 8580 points
Alexander Zverev
4e, 6885 points
Publier un Flash Publier un Flash
Top des commentaires comments
Difetti e problemi che gli hanno consentito di essere top ten per quasi 3 anni?? Credo che qualsiasi giocatore ci metta la firma a tenere i suoi "difetti e problemi" !! Oppure bisogna essere per forz
6 thumb_up
Denny61 Denny61
Livello atletico ancora da rivedere, è normale assolutamente, ma rivedo in Matteo sempre gli stessi difetti e problemi: rovescio mediocre e lentezza negli spostamenti. Spero e speravo, come in passato
4 thumb_up
Michele S. Michele S.
Sono stati abbastanza alla pari .. nel primo set draper ha perso il servizio in un game al servizio brutto con 2 doppi falli Secondo set meglio l'inglese in generale e sul 5-5 del tiebreak su una seco
3 thumb_up
Francesco B. Francesco B.
SuperTennis e la federazione dovrebbero cambiare sport
3 thumb_up
Denny61 Denny61
Ha dato tutto, nel terzo crolla
2 thumb_up
Giuseppe Giuseppe